Giorgio Amoretti: Un sognatore fuori dagli schemi della società

Oggi mi è arrivata una pulce all’orecchio con il nome di Giorgio Amoretti

Un tipo seduto vicino a me mi dice, considerate le mie passioni tra cui il kitesurf, se per caso conosco Giorgio Amoretti.

Ammetto la mia ignoranza dicendo di non conoscerlo!

Esce fuori che qualche tempo fa c’era a Chioggia Marco il figlio di Giorgio Amoretti.

Qui un articolo di Chioggia News 24 dedicato al passaggio di Marco per Chioggia.

E qui quello che credo sia il sito ufficiale.

Parla parla e mi consiglia di guardare un video dedicato a Giorgio Amorelli che ti inserisco qui sotto.

Non ti anticipo nulla ma se hai un minimo di spirito di avventura ti consiglio di prenderti qualche minuto per guardarlo e ascoltarne le parole.

Hai visto il video?

Se si ora posso parlarti anche di ciò che contiene!

Giorgio Amorelli è una persona fuori dagli schemi ed è un sognatore.

  • Realizza il sogno di girare il mondo con una Lambretta.
  • Attraversa il deserto del Sahara con un paracadute ascensionale attaccato ad una macchina perchè ha voglia di volare e di vedere la Terra dall’alto.
  • In un momento difficile decide di attraversare a nuoto il Lago di Garda e ce la fa in un po’ meno di 24 ore.
  • Fa un altro viaggio con moglie e figlio nel Sahara.

E’ alla ricerca di soluzioni alternative in una società che è sempre più esigente e complessa.

Chissà cosa penserebbe dell’attuale società con praticamente tutti costantemente collegati ad internet ed immersi in questa rivoluzione nella quale fatichiamo a tenere il passo e la frenesia di questo cambiamento.



E’ uno spirito libero ed anche i figli hanno preso parte di questo spirito come puoi leggere in quest’avventura che hanno intrapreso.

Gira il mondo alla ricerca dell’uomo.

E’ in parte un Forrest Gump!

Si inventa pure la professione del casalingo in una società dove l’uomo e attualmente anche la donna sono costretti entrambi a lavorare.

Bello intuire il suo amore per la natura!

Giorgio Amoretti

Ed ora sono qui con questa pulce nell’orecchio!

Giù un po’ alternativi lo si è praticando kitesurf, windsurf, sup e compagnia bella!

Sono qui che penso al mio attuale girare per qualche chilometro in moto combattendo con il freddo e le strade un po’ scivolose.

Sono qui che penso a qualche corsa fatta in mezzo alla campagna.

Li con me stesso.

Li con l’occasione di uscire anche per poco dal sistema nel quale siamo immersi.

Li a gustarmi i momenti nei quali vivo qui ed ora assaporando ogni istante.

Forse è giunto il momento di dare sfogo a questa mia piccola farfalla che ha bisogno di volare per un po’!

Come?

Non lo so ma ne ho la necessità!